top
logo

il mare

Oltre alle Foto

00006.jpg

Calendario

<<  Aprile 2019  >>
 Lu  Ma  Me  Gi  Ve  Sa  Do 
  1  2  3  4  5  6  7
  8  91011121314
15161718192021
22232425262728
2930     

Ultimi eventi

No current events.

FotoNordest, il portale della fotografia nel NordEst: news, concorsi, mostre ed altro ancora

Home Libri per Voi
Libri per Voi!

 

 

Se Fotografare significa "Scrivere con la Luce"...non dimentichiamoci il piacere di un buon libro...scritto nero su bianco. Per pensare alla Fotografia, parlare di Fotografia...e imparare di Fotografia



L'Occhio del Fotografo PDF Stampa E-mail

L'occhio del fotografo. La composizione nella fotografia digitale

Un’adeguata padronanza delle regole della composizione è indispensabile per realizzare fotografie efficaci. la capacità di riconoscere un’opportunità fotografica e di organizzare gli elementi grafici in un insieme riuscito è da sempre una delle qualità più apprezzate in un fotografo. la svolta digitale ha influenzato profondamente il modo di avvicinarsi alla fotografia, rivoluzionando le tecniche della composizione: innanzitutto perché l’immediato feedback possibile permette di valutare e migliorare all’istante le proprie foto: in secondo luogo perché i software per l’elaborazione delle immagini consentono di alterare e ottimizzare la composizione anche dopo aver eseguito lo scatto. il libro esplora gli approcci tradizionali alla composizione, ma affronta anche alcune tecniche digitali, come lo stiching e High Dynamic Range Imaging, che si avvalgono delle nuove tecnologie per ampliare le possibilità creative senza compromettere l’originalità della visione del fotografo.
Edizione anno: 2008

Autore: Michael Freeman
192 pagina
foto colori
Italiano
brossura 23,5x25,5 
 
Un'autentica bugia PDF Stampa E-mail

Un'autentica Bugia

 La fotografia, il vero, il falso

"La fotografia non sa mentire, ma i bugiardi sanno fotografare"

scriveva nel 1909 il grande fotografo Lewis Hine. Con pochi clic del mouse oggi chiunque può trasformare le proprie fantasie in una immagine che "sembra una fotografia". Ma è giusto dire che i superpoteri di Photoshop abbiano inaugurato l'era del sospetto?

Una divertente e acuta digressione sui temi del vero e del falso nella fotografia nata sulla scia delle accese discussioni intorno al digitale e alla sua estrema manipolabilità. Smargiassi tenta di dimostrare che la “rivoluzione digitale”, almeno in termini di rovesciamento del dogma referenziale della fotografia, della sua assunzione di veridicità, non esiste, perché quel dogma è stato sfidato con successo più volte anche nel secolo e mezzo della fotografia analogica.
Con una serie di esempi e tanti gustosi aneddoti, il volume spiega “come” la fotografia abbia saputo mentire nella storia (in modo volontario e involontario), come la catena di decisioni umane e “inconscio-tecnologiche” che produce un’immagine implichi inevitabilmente un’alterazione della realtà percepita. Infine, affronta il “perché” l’immagine fotografica sia stata costretta o tentata di mentire.

Michele Smargiassi è giornalista professionista da vent’anni, prima a l’Unità poi a la Repubblica, dove è inviato di cronaca e cultura, coltiva la sua passione per la storia e l’antropologia sociale della fotografia scrivendo articoli e saggi (uno dei quali, sulla fotografia familiare, è apparso sugli Annali della Storia d’Italia Einaudi), curando mostre e pubblicazioni, collaborando con musei e istituzioni, tenendo conferenze e corsi. Da uno di questi, dedicato al rapporto fra fotografia e realtà, è scaturita l’idea di questo volume. Vive a Modena.


15 x 21 cm
318 pagine
140 fotografie in bianco e nero
Rilegato con sovracoperta
 
Asferico 2009 PDF Stampa E-mail

Asferico 2009 - concorso internazionale di fotografia naturalistica

Tutte le foto selezionate dal nuovo importante concorso internazionale di fotografia naturalistica Asferico, per questo terzo volume della serie. Un annuario di grande qualità, da collezionare volume dopo volume.

96 pagine

80 foto col

Italiano

26x24

 


www.asferico.com

www.hfnet.it

 
La Fotografia storia culturale e visuale PDF Stampa E-mail

 


La fotografia. Una storia culturale e visuale

Dalla prima nebulosa "eliografia" scattata da Joseph Nicéphore Niépce nel 1826 fino alle composizioni classiche di Cartier-Bresson e Alfred Stieglitz e alle formidabili strategie postmoderne di Robert Mapplethorpe, Cindy Sherman e Victor Burgin, la storia della fotografia è uno straordinario susseguirsi di immagini acute e penetranti. Ma le fotografie sono anche le immagini piú diffuse del nostro tempo, dotate di una capacità infinita di registrare gli eventi e di renderli importanti conferendo loro un nuovo status. Ma come si legge una fotografia? In una serie di acute disamine dei temi e dei generi piú rilevanti, Graham Clarke presenta in modo chiaro ed efficace lo sviluppo storico della fotografia e illustra il pensiero dei critici piú interessanti sull'argomento, tra cui Roland Barthes e Susan Sontag. Il libro è incentrato su una analisi innovativa dei temi principali legati a questo argomento - il paesaggio, la città, il ritratto, il corpo e il reportage - e sullo studio minuzioso di immagini esemplari, alla luce dei rispettivi contesti culturali e ideologici.

 


Edizione anno: 2009

302 pag;

ill  It  br 13x20

 



bottom